Passeggiate

Mappa escursionistica

Escursione sui ghiacciai

Diavolezza - Morteratsch

Questo tour spettacolare conduce dalla stazione a monte del Diavolezza verso i ghiacciai del Pers e del Morteratsch, per proseguire sino alla stazione ferroviaria del Morteratsch: è richiesta una buona condizione fi sica, per compiere i 1100 metri di dislivello. Circondati dalle montagne più alte delle Alpi orientali, con i 4049 metri del Piz Bernina al centro, ci s’immergi in un mondo affascinante di ghiacciai, che avvolgono il massiccio montagnoso. Circa cinque miliardi di tonnellate si dirigono lentamente a valle su una distanza totale di 12 km e superando 1000 metri di dislivello. Questa escursione guidata sul ghiacciaio permette di osservare alcuni interessanti fenomeni naturali, dai crepacci ai resti fossili fi no alle masse erratiche e alla formazione delle morene.  

Trekking sul ghiacciaio

Arrampicata con rampini sul ghiacciaio tra le imponenti crepacci del Cambrena fi no a raggiungere la cima del Crap Pers.

Dalla stazione in vetta Diavolezza ci s’incammina lungo un sentiero piuttosto stretto che conduce al ghiacciaio Pers, passando ai piedi del Piz Trovat. Dopo una breve pausa e aver montato i ramponi, inizia l’ascesa in cordata in direzione Piz Palü attraversando gli imponenti seracchi e crepacci del Cambrena. Una volta giunti al Crap Pers si gode di una vista mozzafiato sul ghiacciaio Pers.

Sass Queder

Una passeggiata facile di mezz'ora che dal Diavolezza conduce attraverso il più bel panorama delle Alpi, con rientro al punto di partenza.

II Diavolezza funge da terrazza belvedere su uno dei più bei panorami delle Alpi. La suggestiva vista oltre i ghiacciai del Pers e del Morteratsch, con Piz Palü, Piz Bellavista e Piz Bernina - la più alta cima delle Alpi orientali - strappa un grido di ammirazione a chiunque. Dopo una breve salita, in una buona mezz'ora si raggiunge il Sass Queder. Che lascia librare lo sguardo verso sud: non si ammira solo l'impressionante massiccio del Bernina, ma anche l'omonimo Passo e persino la Valtellina. Non stupisce che quassù ci sia il più alto barbecue all'aperto d'Europa: l'invito a una sosta, e non solo per famiglie. Picnic e legna si trovano al chiosco della stazione a monte di Diavolezza.

Munt Pers

Un sentiero ben curato ma stretto quello che conduce dalla stazione in vetta della Diavolezza su al Munt Pers. Alcuni tratti dell’itinerario sono ripidi e richiedono un passo sicuro, tuttavia è adatto anche agli adolescenti. Il panorama strabiliante sui ghiacciai di Pers e Morteratsch, sulle cime di Piz Palü, Piz Bellavista e Piz Bernina, che con i suoi 4049 m è la cima più alta delle Alpi orientali, suscita ammirazione. La strada di rientro segue lo stesso percorso. Ma per vivere un’escursione indimenticabile ci s’incammina prima del sorgere del sole (con lampada frontale): infatti, il nuovo giorno che nasce sul massiccio del Bernina è uno spettacolo mozzafiato. È possibile pernottare alla Diavolezza.

Lej da Diavolezza

Il percorso conduce dapprima dalla stazione in vetta di Diavolezza alla stazione d’arrivo della seggiovia, per poi scendere al Lej da Diavolezza costeggiando la cresta del Sass Queder. Una particolarità è offerta dal Muots Ravulaunas, che è il monte delle pernici bianche: con un po’ di fortuna potrai avvistarne durante la tua escursione. Per raggiungere la stazione a valle di Diavolezza basta seguire la pista di sci.

Lej da las Collinas

Questo itinerario, adatto anche ai bambini, è stato tracciato da una scolaresca su commissione dei gestori degli impianti di Diavolezza. Per tornare a valle si devono superare i 900 m di dislivello sul sentiero parallelo alla seggiovia. Una volta attraversata la fiancata del Pers si raggiungono poco dopo i laghetti Lej da Diavolezza e Lej da las Collinas. L’area tra il Lej da las Collinas e quello di Pers è una torbiera popolata da rare varietà di piante e animali. Qui vale davvero la pena fare una sosta e ammirare il panorama. Il sentiero che riporta alla stazione a valle di Diavolezza attraversa pendii costellati da stupende macchie di rododendri; i più fortunati avvisteranno persino qualche camoscio.

Corvatsch 3303
Corvatsch Park